Di Giannantonio in MotoGP con VR46, perché no?!

Di Giannantonio in MotoGP con VR46, perché no?!© Luca Gorini

Fabio è giovane ma ha due anni di top class, conosce la Demosedici, è andato a podio: il romano sarebbe un innesto già pronto nella formazione Ducati

14 novembre

Pensandoci su, è proprio vero: Fabio Di Giannatonio sarebbe un ottimo acquisto per il VR46 Racing Team, attualmente legato al main sponsor Mooney, prossimo a diventare Pertamina Enduro. Perché il venticinquenne romano rientra in questo discorso di mercato MotoGP? Proprio perché nella classe regina sta andando forte, promettendo di fare ancora meglio.

Siete pronti alla MotoGP del Qatar? Ecco gli orari TV!

Marini in Honda Repsol? Libera una Ducati Desmosedici

Prossimo ad "abbandondare" la Honda, Marc Marquez passa in Gresini Ducati e lascia una RC213 V che, sarà oggi una quattro cilindri in difficoltà, ma messa nelle mani pazienti di chi vuole pensare solo a svilupparla e dare gas, evitando paragoni col passato e con le altre moto presenti in griglia, potrebbe andare forte

Di Giannantonio avrebbe potuto fare ciò, nella voglia di continuare a lavorare nel campionato più difficile di tutti. Quando sembrava cosa fatta tra Fabio e l'Ala dorata, sono spuntati nomi a raffica, alcuni scritti a vanvera, altri previa cognizione di causa.

Quindi, se è vero che Luca Marini e il gigante HRC siano vicini alla firma - o all'annuncio, considerandone i discorsi - la formazione Repsol sarebbe al completo, con l'arrivo del fratello di Valentino Rossi. A proposito, il nove volte iridato perderebbe però un pilota, a chi verrebbe affidata la Desmosedici?

Vietti, Aldeguer... Di Giannantonio!

E' onesto scrivere le cose come stanno. Celestino Vietti Ramus è andato forte nel debuttante Fantic Racing ma, tra qui a dire che sarebbe pronto per la MotoGP, significherebbe prenderlo per i fondelli. A nostro parere, il piemontese può vincere la Moto2 edizione 2024, poi pensare all'eventuale salto.

E Fermin Aldeguer? Sembrava lo volessero tutti, potrebbe finire che non lo prende nessuno. Di talento il murciano ne ha, l'età è precoce - 18 anni, uno in meno di Pedro Acosta - perciò lo vedreste già su una 1000 prototipale, portentosa, sofisticata e sfianca piloti? Magari non subito.

Ed eccoci al Diggia, dotato di ottimo CV. Sta disputando la seconda stagione di MotoGP, rientra spesso e volentieri in top ten, ha calcato il difficile podio di Phillip Island. Al terzo anno consecutivo la conoscenza della categoria, avversari, freni in carbonio, aerodinamica, elettronica, gomme Michelin e sensazioni sarebbero per lui un punto a favore, per il VR46 altrettanto e, casualità, la sella sarebbe sempre una Ducati Desmosedici. 

Classifica piloti MotoGP

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi