Silvia Comincioli, una passione ereditaria | Io Guido da Sola

Silvia Comincioli, una passione ereditaria | Io Guido da Sola© Matitaccia

La 31enne partecipa a CIV Femminile e WEC assieme a... sua figlia Viola

16.05.2024 ( Aggiornata il 16.05.2024 11:03 )

Le sempre più numerose ragazze che decidono di correre in moto, partecipando ai vari campionati, lo fanno per i più disparati motivi: senza dubbio sono unite dall’obiettivo di ottenere il miglior risultato possibile, ma nel caso di Silvia Comincioli, c’è anche la volontà di superare i propri limiti, mettendosi in gioco. Silvia, che ha 31 anni ed è mamma di Viola, una bimba di quasi tre anni, ha iniziato “tardi”, passando dal campionato 12 pollici al CIV Femminile e all’europeo WEC. Si è trattato senza dubbio di un grandissimo salto, commisurato alla sua bravura, visto che nella prima uscita della stagione, a Misano, ha ottenuto un settimo (WEC) e un sesto posto (CIV).

Alessandra Mancini, il genio degli assetti | Io Guido da Sola

La storia di Silvia Comincioli


Come per tanti, la sua passione per le due ruote è emersa grazie al paPà, e si è evoluta dopo aver conosciuto colui che è diventato il suo compagno di vita: “Da piccola facevo i raduni in Vespa con papà – racconta – e a 14 anni ho avuto il mio primo motorino. La moto, invece, i miei genitori non me l’hanno voluta comprare, l’ho fatto io quando già vivevo per conto mio. All’inizio facevo da ‘zavorrina’ al mio compagno, poi mi sono fatta la moto anch’io e da lì è nata la voglia di girare in pista. Ho capito che era qualcosa che avevo dentro da sempre, e nel 2019 ho deciso di iniziare a gareggiare. L’esordio nel primo campionato 12 pollici non è stato però fortunato per Silvia che, come mi ha ricordato, è stata “stesa” alla prima curva, rompendosi terzo e quarto metacarpo della mano. Ma la pilota di Manerbio (Brescia) è stata più forte della cattiva sorte: “Nel 2020 a causa del Covid non ho potuto gareggiare, poi sono rimasta incinta della mia bimba e una volta nata, quando aveva nove mesi, ho iniziato davvero a gareggiare. Ho fatto il mio esordio in gara da mamma”.

Dopo due wild card affrontate nel 2023, in questo 2024 Silvia partecipa a tutti gli effetti a due campionati molto importanti: “Le wild card sono state un banco di prova – aggiunge – per capire se potevo correre ed essere competitiva, e così è stato. Quest’anno gareggio con il Team Motoxracing”. L’inizio della stagione è stato promettente: “Mi sono sentita bene e questa è la cosa più importante – conclude – a quattro giri dalla fine ho messo da parte la tensione. Partecipare al campionato è un sogno che si è avverato. La mia bimba viene sempre con noi in circuito, è bello condividere con lei questa passione, soprattutto ci tengo a farle capire che non bisogna mai mollare, in qualsiasi sport, anche se si è ‘vecchi’. Se si ha un obiettivo, va cavalcato finché non si taglia il traguardo”.

Giorgia Blasigh si ritira | Io Guido da Sola

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi